"IL MASSIMO DEL LUSSO ITALIANO", Carmelo Salvatore Scionti va oltre la Sartoria Tradizionale ed è riferimento internazionale di clienti privati che impreziosiscono il proprio guardaroba con capi unici,
cuciti a mano ed a tiratura limitata.

Ogni capo è un modello unico disegnato per Lei con la massima cura ed espressione, dalla presa misure ne scaturisce il cartamodello, segnato, tagliato e realizzato in prima prova, seconda prova,
fino ad ottenere la perfezione massima desiderata dal cliente.

Oltre 60h di lavorazione e 5000 punti a mano ne fanno un pezzo per veri intenditori.








L'obiettivo di Carmelo Salvatore Scionti è quello di ridurre al minimo i passaggi a macchina, realizzando capi rari ed esclusivi interamente "CUCITI A MANO", seguendo linee di tendenza che racchiudono il pensiero dei due mondi sartoriali (etneo e partenopeo) dando così vita a silhouette destinate al cliente classico, sviluppando forme aderenti con sottolineatura in vita senza rinunciare alla comodità del capo. È proprio la controtendenza la prima passione di C.S.S. che diventa una sfida per un mercato che rivolge la produzione sempre più all'estero, attento esclusivamente al risparmio della mano d'opera, dimentico che la manualità italiana è tra le più antiche d'Europa, apprezzata e riconosciuta nel mondo con particolare riferimento alle città di Catania, Palermo e Napoli.

Carmelo Salvatore Scionti realizza capi, passaggio dopo passaggio, preparando al cliente la classica prova imbastita fino ad arrivare alla perfezione che richiede, condivide e apprezza insieme alla manualità del capo ed il lusso dello stesso. Pregiati Capospalla, Cappotti, Camicie e finissime drapperie fino all'esclusivo Super 230's, fanno dei capi di "CSS" l'espressività esecutiva che diventa arte.
Le tecniche di taglio sono un principio assoluto.

Ad ogni passaggio di cucitura segue un passaggio di stiratura seguito a sua volta da precise fasi di riposo che variano in base alle peculiarità della drapperia. Severissime tutte le fasi di controllo, ogni difetto anche micro è condizionante per la perfezione che rimane la filosofia del lavoro.

Tutti i maestri sono coordinati, dal collaudo intermedio al controllo, dopo ogni fase di stiratura. Il capo riposa molte ore dopo aver ricevuto il passaggio di più mani per saggiarne le reazioni e procedere alle ultime modifiche di prova. Solo questa attenzione può garantire la qualità elevata di tutte le creazioni di "Carmelo Salvatore Scionti" rendendola assoluta, da sempre motivo di orgoglio e vanto per chi indossa i nostri capi.

Carmelo Salvatore Scionti è presente nel mercato intercontinentale per clienti privati da sempre innamorati del Made In Italy.





Le principali differenze di Carmelo Salvatore Scionti fra il "lusso di consumo" e la "cultura per il lusso" sono: lavorazione a mano, esperienza e soprattutto tempo.

La differenza fra l'assenza di difetti e la perfezione è una sottile sfumatura che avvolge il lavoro fatto con passione, arte e dedizione.

Tutte le fasi di lavorazione della calzatura sono eseguite "come una volta" creando pezzi unici e collezione limitata nel tempo rispettando il gusto di ognuno, la tradizione e l'ambiente: ogni paio di scarpe è tagliato a mano, le solette sono tutte in pelle: l'unico materiale davvero traspirante.

Consiglio: acquista il miglior paio di scarpe che ti puoi permettere e il miglior letto ... perché se non sei nell'uno ... sei nell'altro.







La generazione

La passione è quella forma d'amore che rifiuta l'immediato ... Carmelo lascia la Direzione Generale per i Servizi alla Difesa, "il posto fisso" e si tuffa nell'acqua profonda e con la sua modesta liquidazione ed d buon salvadanaio riesce rapidamente a mettere a frutto tutto quello che di insegnamento ha avuto dalle stesse FF.AA., Abiti, Divi, Cerimoniale, Corpetti, Cappone, Mantelli, Cappotti il suo CULT.

Registra il proprio nome Carmelo Salvatore Scionti e crea il marchio CSS distinto da una corona trilobata racchiusa dall'alloro dei Normanni di Paterna. In breve tempo entra nelle migliori attività professionali, Notai, Avvocati, Circoli proprio come aveva fatto papà Barbaro.

Si fa spazio tra Roma, Catania e Palermo alla ricerca del gusto e dello stile, unendo alla sua passione tutte le tradizioni che nel mondo rappresentano unico riferimento dell'eleganza e Io stile italiano e la manualità dei maestri catanesi e palermitani.

La Tradizione

Barbaro riesce a farsi assegnare dal Sindaco di Paternò locali storici abbandonati e fatiscenti che, sapientemente e con la massima economia, trasforma in una vera perla, apportando una radicale ristrutturazione e chiedendo collaborazioni arrivate fino allo stretto di Messina.

Dal Dipartimento Centrale Marittimo che governa la Sicilia riesce a farsi consegnare due grandissime ed originali ANCORE che espone con fierezza davanti l'ingresso dei suoi nuovi locali a suggello del suo successo lavorativo e di progetto. Continua a curare anche i rapporti con tutte le strutture militari ed è proprio nelle sartorie militari che cattura tutti i segreti di ogni tempo, delle divise, delle cerimonie. Sua Altezza Cesare d'Altavilla, Principe Reale di Sicilia-Napoli e Capo della Real Casa Normanna, conferisce a Barbaro SCIONTI il 14 grado di Cavaliere della Stella al Merito del Lavoro.

L'attività la condivide con molti collaboratori ma quasi tutti dopo anni, lasciano il maestro e si mettono in proprio. Una vera e propria scuola di vita quella di Barbaro, insegna a tutti ma ognuno poi guarderà i propri interessi e la propria vita come del resto anche ai tempi d'oggi accade.



Barbaro ha 2 figli, il maggiore Filippo 1958 ed il minore Carmelo Salvatore 1964. AI primogenito dedica le prime attenzioni e Io coinvolge nell'attività di famiglia, Filippo la conduce in modo esemplare affiancandolo giorno e notte per oltre dieci anni ma anche lui molla e si rifugia in un luogo sicuro "IL POSTO FISSO". Carmelo Salvatore incoraggiato da papà Barbaro e mamma Nunziatina spicca il volo ed all'età di 17 anni sale sul treno che lo porta a Roma e parliamo de1 1982. Il biglietto era solo per l'andata.



Le Radici

In un piccolissimo centro alla periferia di Catania, Paternò, nasce Barbaro SCIONTI. Paternò famoso in tutto il mondo per le arance di Sicilia diviene in pochissimo tempo il centro più importante della provincia di Catania, ha allargato la sua attività rivolgendosi alle persone più abbienti del paese e della città di Catania, Notai, Sindaci di provincia, Avocati, divenendo il maggiore riferimento per loro tutti, serate di gala, circoli dei professionisti, circoli culturali.